Ecosostenibilità marineria di Fano

There are no translations available.

PROGETTO CODICE 01/4.1/19

Protezione della biodiversità attraverso tecniche di conservazione delle uova delle seppie, attività di pulizia delle coste ed implementazione del riciclo delle reti da posta dismesse.

Progetto finanziato dal PIANO DI AZIONE LOCALE 2014 – 2020 del FLAG MARCHE NORD (Azione 4.1: Promuovere azioni virtuose e progetti pilota in ambito ecologico)

Descrizione progetto

Il Progetto ha previsto 3 principali linee di attività rivolte alla conservazione della biodiversità intesa sia come aiuto al ripopolamento di specie ittiche, che attività di pulizia della costa e diminuzione dei rifiuti prodotti attraverso il riciclo delle reti dismesse.


1)CONSERVAZIONE UOVA DI SEPPIA

L'attività di conservazione delle uova delle seppie ha coinvolto 5 pescatori della piccola pesca artigianale di Fano, che hanno utilizzato nella stagione di pesca della primavera-estate 2019, (periodo che coincide con l'attività riproduttiva di questi molluschi) speciali strutture per la conservazione delle uova deposte sugli attrezzi. I pescatori durante le normali operazioni di pesca hanno inserito nelle strutture di incubazione, le uova di seppia che deposte sugli attrezzi da pesca sarebbero andate perse, al fine di massimizzare la possibilità di riproduzione degli animali. Le particolari strutture di conservazione utilizzate hanno permesso di proteggere le uova durante il periodo di sviluppo, liberando in mare in maniera autonoma i giovani esemplari nati. Le attività sono state svolte in prima persona dai pescatori professionisti coinvolti nell'iniziativa che hanno dimostrato di condividere l'importanza di rendere le loro tecniche di pesca il più sostenibile possibile al fine di garantire uno sfruttamento sostenibile della risorsa.


RISULTATI RAGGIUNTI

5 pescatori coinvolti, 20 strutture di conservazione utilizzate, 190.000 giovanili reimmessi in mare dopo la schiusa.

2)  PULIZIA DELLA COSTA

L'attività di pulizia dei litorali con recupero dei rifiuti spiaggiati sono state svolte in collaborazione con Legambiente Marche Onlus e sono state effettuate il 28 Giugno e il 1 Luglio 2019. Le due aree di intervento sono state identificate nelle zone SIC IT5310006 Colle san Bartolo e IT5310007 Litorale della baia del re. Nelle due giornate di pulizia delle spiagge e della costa sono stati recuperati 1175 rifiuti di cui più del 97% costituito da plastiche. 


3) RICICLO DELLE RETI DA POSTA

La Blu Marine Service in collaborazione con la Marineria della piccola pesca operante a Fano con il coinvolgimento del Consorzio Ittico Fanese e Associazione Armatori piccola pesca ha organizzato e reso operativa una attività di riciclo delle reti da posta dismesse al fine di limitare l'apporto di rifiuti indifferenziati in discarica e favorire un recupero della materia prima da reimmettere nel ciclo produttivo. Le reti da pesca ed in genere la maggior parte degli attrezzi da pesca sono composte prevalentemente da materiale plastico ed in particolare da: Nylon 6; Poliammide; Polietilene; Polipoprilene.

Tutti materiali che possono essere avviati al recupero/riciclo con tecnologie ormai note e sviluppate. Le reti da posta cioè quelle usate dalla piccola pesca costiera, costituite prevalentemente in Nylon 6, hanno una vita limitata, che può essere stimata in massimo 6 mesi di utilizzo continuativo. Questa elevata deperibilità dei materiali per le operazioni di pesca, deve essere però rapportata alla estrema resistenza nell'ambiente dei materiali plastici, che ne aumentano la pericolosità per l'ambiente marino e costiero.

Gli operatori della piccola pesca, generano quindi un flusso continuo di rifiuti (reti usate dismesse) che prima del progetto andava ad aumentare la quota di indifferenziato in discarica, ma che adesso tali rifiuti sono considerati materia prima da rigenerare e reimmettere nel ciclo produttivo delle materie plastiche. Le attività hanno previsto il coinvolgimento diretto degli operatori della marineria al fine di organizzare il riciclo delle attrezzature che dopo l'utilizzo vengono disarmate e stoccate prima del recupero del nylon da parte di aziende specializzate. Questa attività testimonia l'impegno da parte della Marineria di Fano nel migliorare l'impatto ambientale delle operazioni di pesca, gestendo in maniera ottimale i rifiuti prodotti, minimizzando i rifiuti indifferenziati.

    Durata progetto: Maggio 2019 – Novembre 2019


Progetto Codice 01/4.1/19 Azione 4.1 Promuovere azioni virtuose e progetti pilota in ambito ecologico finanziato dal PIANO DI AZIONE LOCALE 2014 – 2020 del FLAG MARCHE NORD



 alt            alt